Home / News / L’attuazione della direttiva Solvency II miete le prime vittime

L’attuazione della direttiva Solvency II miete le prime vittime

Nel nostro ordinamento, Solvency II è stata recentemente attuata dal d.lgs. n. 74 del 12 Maggio 2015, che ha recepito (per lo più riproducendone il testo) le novità della Direttiva modificando direttamente il Codice delle Assicurazioni (d.lgs. n. 209 del 7 Settembre 2005).

 

Il quadro regolamentare sarà a breve completato dai regolamenti IVASS, che saranno adottati dall’Autorità per dare esecuzione alle Linee Guida EIOPA e per aggiornare i regolamenti attualmente in vigore.

 

A seguito di una gestazione durata quasi un decennio, il processo di definizione e implementazione del nuovo sistema di vigilanza europea sulla solvibilità in campo assicurativo è giunto ormai alla sua fase conclusiva.

 

Dopo alcuni rinvii, infatti, il termine per il recepimento in tutti gli stati membri della direttiva quadro 2009/138/UE (di seguito “Solvency II” o anche solo la “Direttiva”) è stato definitivamente fissato al 1° Gennaio 2016. Del pari, sono stati pure adottati gli atti normativi di secondo livello (Regolamento 2015/35/UE - c.d. Atti delegati - e gli Implementing Technical Standard), nonché le principali misure di terzo livello (i.e. Linee Guida EIOPA).

 

Va pure ricordato che, al fine di consentire un aggiornamento graduale degli operatori di settore alle novità di Solvency II, alcune delle principali novità introdotte dalla Direttiva sono state anticipate da EIOPA mediante l’adozione di orientamenti preparatori, a loro volta recepiti in Italia da IVASS.

 

L’attuazione della direttiva Solvency II, intanto, sta iniziando a fare vittime: Gable Insurance e quasi certamente Elite Insurance Company ltd.

 

In allegato potete scaricare la guida semplificata su Solvency II redatta e resa disponibile dall’IVASS.

 

Luigi Barnabà

Solvency II
Guida IVASS
IVASS - Guida_Solvency_II.pdf [1.99 MB]
Download

CAUZIONI PER APPALTI PUBBLICI
Garantiscono la partecipazione a gare e buona esecuzione di lavori, servizi e forniture.

CAUZIONI PER CONCESSIONI EDILIZIE
Cauzioni per urbanizzazioni e convenzioni edilizie.

CAUZIONI PER IMPOSTE E TASSE
Cauzioni per rimborsi di imposte Iva, Irpef.

CAUZIONI PER LE DOGANE
Cauzioni per il pagamento periodico differito dei dazi doganali, per temporanee importazioni, per altre operazioni doganali.

CAUZIONI PER AUTORIZZAZIONI MINISTERIALI E REGIONALI
Cauzioni per smaltimento rifiuti, coltivazioni cave, impianti di stoccaggio, contributi

CAUZIONI PER CONTRATTI TRA PRIVATI
Cauzioni per subappalti, ordini per forniture, promesse di vendita, permute.